Arrivo all’ultimo momento, ma questo mese ce l’ho fatta! L’MTChallenge dopo la pausa natalizia ci offre un’altra bella sfida e ci tenevo molto a partecipare dato che ultimamente ero stata assente a causa di un piccolo adorabile esserino che domani compie già 7 mesi!

Questo mese il tema rappresenta la quintessenza della stagione invernale. Vittoria del blog “La cucina piccolina” vincitrice della sfida numero 52, ci propone zuppe e minestroni, c’è comfort food migliore in questi giorni freddi?

Le minestre sono piatti costituiti da pasta o altri cereali con legumi o verdure cotti in acqua o brodo. Possono avere consistenza brodosa o più asciutta. Le zuppe invece sono ugualmente preparate con legumi o verdure, la differenza è che non prevedono cereali in cottura, ma a fine preparazione si aggiunge pane o simili che vanno appunto inzuppati.

La pasta con i legumi è un esempio classico di minestra, io ho sostituito la pasta con il più esotico e salutare bulgur, un alimento molto diffuso in Medio Oriente. Il bulgur fa parte della famiglia dei cereali, come la pasta, è una base che può combinarsi con tanti ingredienti per dar vita a piatti sempre nuovi. Si tratta di semi integrali e germogliati di grano duro, dopo la cottura a vapore vengono essiccati e frantumati in piccoli chicchi; è ricco di fibra, vitamina B, fosforo e potassio. Al bulgur ho abbinato piselli e carote e insaporito con paprika, per la cottura ho usato del bordo vegetale homemade. Con questa ricetta partecipo alla sfida numero 53 dell’MTC.

PicMonkey Collage

 

minestra boulgur piselli carote 2

Ingredienti per 4 persone:

  • 250g piselli (io quelli surgelati homemade)
  • 250g bulgur
  • 5 carote
  • 1/2l di brodo
  • 1 gambo di sedano
  • 30ml olio e.v.o.
  • 1 spicchio di cipolla
  • paprika forte q.b.
  • prezzemolo q.b.

zuppa bulgur piselli carote

Preparazione:

Prepariamo un battuto di cipolla, sedano e un poco di carota e facciamolo soffriggere nell’olio.  Uniamo i piselli e un po’ di brodo e facciamo cuocere per una mezz’ora coperto.

Aggiungiamo poi le carote lavate, pelate e tagliate a cubetti, facciamo cuocere per altri 10 minuti ed uniamo infine il bulgur con il bordo rimanente. Altri 8-10 minuti e la cottura sarà completa.

Impiattiamo e finiamo il piatto con paprika (forte a piacere) e prezzemolo fresco. Serviamo subito.

minestra bulgur piselli carote 1

 

7 Comments on Minestra di bulgur, piselli e carote

  1. Andreea
    25 gennaio 2016 at 20:54 (3 anni ago)

    Una buona minestrina riscaldante che coccola il palato ! Buona serata !

    Rispondi
    • Angela
      30 gennaio 2016 at 18:56 (3 anni ago)

      Grazie mille per la visita 🙂
      Buon WE

      Rispondi
  2. Pat
    26 gennaio 2016 at 12:27 (3 anni ago)

    Buonissima la minestra con il bulgur…. bellissima la sfida di questo mese! Un bascione forte forte all’adorabile pagnottona (Marò, ma sono passati già sette mesi???) e un forte anche a te! <3

    Rispondi
    • Angela
      30 gennaio 2016 at 18:55 (3 anni ago)

      Grazie! Eh si! questi mesi sono volati :-/
      Buon WE :-*

      Rispondi
  3. alessandra
    31 gennaio 2016 at 14:59 (3 anni ago)

    mi sono persa un po’ di cose e mi dispiace: cerco di rimediare con un augurio cumulativo, a cui aggiungo anche un invito a goderti quanto più tempo puoi con il tuo piccino,perché con loro il tempo vola per davvero e te li ritrovi grandi in un attimo.
    Grazie anche per essere rientrata in gara e per averlo fatto con una ricetta bella da vedere -e ottima da mangiare: robusta, corposa, piena di gusto e di colore. Brava!

    Rispondi
    • Angela
      31 gennaio 2016 at 18:11 (3 anni ago)

      Grazie Alessandra! Eh si, il tempo purtroppo vola, me lo ripeto sempre, anche quando la giornata si fa pesante tra pianti e capricci, cerco di godermi ogni attimo perché so che sono momenti preziosi *_*
      Buona domenica

      Rispondi

1Pingbacks & Trackbacks on Minestra di bulgur, piselli e carote

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.